Seleziona una pagina
+393392914239

La comunità scientifica ci ha già più volte, ed in diverse occasioni, istruito in merito alle carenze nutrizionali comuni nei pazienti celiaci che seguono una dieta priva di glutine.

Indipendentemente dal periodo di tempo in cui hanno aderito alla dieta. Ma mostriamo oggi un ulteriore studio in tal senso che ci arriva dagli Stati Uniti.

I risultati indicano che tali carenze possono essere correlate più alla inadeguatezza nutrizionale di una dieta priva di glutine che al malassorbimento tra questi pazienti, secondo i ricercatori.

Lo studio

Pertanto l’obiettivo dello studio è stato comprendere “quanto siano prevalenti queste carenze e come sono influenzate dall’adesione dei pazienti alle diete prive di glutine”.

Per valutare la presenza di carenze nutrizionali nei pazienti celiaci che seguono diete prive di glutine a breve e lungo termine, il gruppo ha arruolato 169 pazienti (età media, 37 anni; 76% donne).

Tutti i partecipanti avevano una diagnosi di celiachia provata da biopsia.

L’aderenza a una dieta priva di glutine è stata convalidata utilizzando il Celiac Dietary Adherence Test e una revisione dietetica da parte di un dietologo.

Dei partecipanti, 63 seguivano una dieta priva di glutine a breve termine (meno di due anni), e 106 seguivano una dieta a lungo termine (più lunga di due anni).

I pazienti nel gruppo a breve termine avevano seguito una dieta priva di glutine per circa un anno, rispetto a una media di cinque anni per quelli nel gruppo a lungo termine.

L’aderenza alimentare

Complessivamente, l’aderenza alimentare è stata valutata come eccellente nel 50% dei partecipanti, buona nel 36% e discreta nel 14%.

Lo studio ha rilevato che, non importava se le persone seguivano una dieta a breve termine o una dieta a lungo termine, avevano tutti ancora carenze nutrizionali.

Alla luce di questi risultati, i ricercatori hanno concluso che le carenze nutrizionali sono frequenti nei pazienti celiaci che seguono diete prive di glutine, indipendentemente dalla loro conformità o dalla durata del regime.

È incredibile avere l’elevato livello di aderenza che abbiamo visto, ma le carenze nutrizionali sono state comunemente osservate, anche nelle persone che osservano strettamente ed in modo rigido la dieta.

Le carenze nutrizionali

I risultati suggeriscono che le carenze nutrizionali possono essere correlate più a carenze nutrizionali nelle diete prive di glutine che malassorbimento nei pazienti con malattia celiaca.

“Penso che la dieta priva di glutine possa essere restrittiva per un paio di motivi”, ha detto il dottor Adams che si è occupato dello studio.

“In primo luogo, i prodotti senza glutine non sono necessariamente fortificati e integrati, come possono esserlo i prodotti contenenti glutine.

E in generale, evitando i cereali integrali, probabilmente perderai alcune vitamine e minerali essenziali “.

Paura e-o mancanza di informazioni corrette?

Alcuni dati indicano anche che le persone affette da celiachia potrebbero limitare la loro dieta anche in altri modi.

“Forse le loro diete non sono così diverse o hanno paura di mangiare determinati cibi perché hanno una legittima paura di ammalarsi”, ha aggiunto il dottor Adams.

Il ruolo dei professionisti

Di conseguenza, i gastroenterologi hanno un ruolo importante nel suggerire cibi ricchi di nutrienti alternativi per questi pazienti.

“Cerco di educare i miei pazienti celiaci, perché una dieta non è necessariamente sana solo perchè è priva di Glutine”, ha detto il dottor Adams.

“Penso che sia un’idea comune sbagliata, diffusa anche tra i medici”.

“Inoltre, penso che i medici dovrebbero sapere che possono svilupparsi carenze e [dovrebbero] controllare regolarmente i loro pazienti, anche se [non] hanno sintomi gastrointestinali “

Ed i nostri Viaggi Senza Glutine che ruolo possono avere

Decisamente importante, nella misura in cui i viaggiatori ci forniscono le corrette informazioni.

Come avete potuto vedere negli articoli precedenti, esiste la possibilità di “non accontentarsi” limitandosi semplicemente alla ricerca di una soluzione “Senza Glutine”.

Oggi è possibile accedere, in alcuni casi a soluzioni di Cucina Gourmet Gluten Free.

Addirittura abbiamo visto in un recente articolo che è possibile avere a disposizione una Importante Cucina Senza Glutine durante il Trekking per raggiungere la vetta del Kilimanjaro.

Pertanto vogliamo ribadire, come già detto tempo fà, che potendo intervenire presso i nostri fornitori e corrispondenti.

E’ possibile fare delle richieste circostanziate per fare in modo di ottenere delle soluzioni in linea con le necessità alimentari dei viaggiatori.

Ma è evidente che queste richieste devono essere sollecitate dal viaggiatore, perchè solo lui conosce le sue condizioni cliniche e di dieta priva di glutine.

Se gli sono trasferite indicazioni e informazioni dai professionisti che lo seguano.

Come appunto potrebbero essere quelle che abbiamo preso in considerazione in questo articolo e relative all’assunzione di alcuni alimenti in ragione di altri.

Che nel suo caso specifico magari potrebbero migliorare l’assorbimento dei nutrienti.

Quindi se hai domande, richieste particolari, curiosità su una destinazione piuttosto che un’altra, facci sapere, scrivendo qui sotto e/o sui social.

Se invece vuoi vedere il nostro portale per Viaggiatori celiaci lo trovi qui, dove non puoi trovare tutte le destinazioni e tutte le soluzioni, quelle sono nel nostro decennale data-base

A presto Linda & Antonio