Seleziona una pagina
+393392914239
Il Viaggio Senza Glutine a casa di Gaudì

Barcellona è certamente nota per questi due aspetti: il primo senza ombra di dubbio è che Barcellona è la città di Gaudí con le sue singolari architetture. Il “Maestro Gaudì”, genio di fama mondiale, ha lasciato la sua impronta unica; il secondo è la gastronomia.

Il collegamento dall’Italia

Non ci soffermiamo sul volo e sui servizi che i diversi vettori potrebbero, su richiesta, comunque offrire ai celiaci, per la esigua durata del volo che collega Barcellona a diverse città italiane con voli diretti.
L’aeroporto di riferimento è quello della città “El Prat”. Se siete arrivati in ritardo e proprio non riuscite a resistere, in aeroporto trovate diverse soluzioni (rigorosamente confezionate) per un rapido spuntino “Gluten Free”, il consiglio è comunque quello di resistere perché in città si avrà solo l’imbarazzo della scelta, su cosa mangiare e dove, naturalmente “Senza Glutine”

Il collegamento dall’aeroporto

Collegamenti dall’aeroporto alla città? Niente paura!  Vi saranno fornite tutte le indicazioni necessarie per raggiungere rapidamente l’albergo in autonomia…e se vi fosse la necessita, è possibile avere un trasferimento assistito per qualsiasi tipo di esigenza.

Noleggio di un’autovettura? In una città come Barcellona un noleggio auto per gli spostamenti è inutile. Infatti i servizi pubblici di trasporto funzionano molto bene e sono distribuiti molto bene sul territorio.

La sistemazione Gluten Free in Città

Qual sarà il vostro albergo ?  L’hotel di riferimento è Ilunion Auditori a l’Eixample a Barcellona, vicino alle principali attrazioni culturali della città. L’albergo fornisce, dalla colazione al menù, tutta una serie di “servizi per i viaggiatori celiaci”.

La catena alberghiera ha sottoscritto un accordo di collaborazione con FACE (Federazione delle Associazioni Celiache di Spagna) garantendo pertanto formazione e informazione a tutto il personale delle strutture.

Siamo sicuri?  Tutti coloro che hanno la necessità di rimanere lontani dal glutine possono prendere parte alla degustazione gastronomica di fama internazionale di Barcellona, senza alcuna preoccupazione.
La Catalogna ha una propria autonoma associazione celiaca dal 1976, e dunque in oltre 40 anni la Città, ma tutta la Regione, è diventata una delle destinazioni Gluten Free più organizzate con un numero sempre crescente di “servizi certificati” per celiaci.

Cosa vedere nei pressi dell’Hotel?

Il centro del quartiere dell’Eixample, sul Paseo de Gràcia, ospita alcuni degli edifici più suggestivi e più noti di Antoni Gaudí .
All’angolo di Carrer Provença, si trova la Casa Milà , popolarmente conosciuta come “La Pedrera” , in catalano “cava di pietra”, con le sue forme ondulate che ricordano le onde dell’oceano.

Più in fondo alla strada c’è la Casa Batlló , una metafora della leggenda di San Giorgio e il drago. Da qui puoi seguire le orme di Gaudí verso il suo lavoro chiave, la Sagrada Família ,(non prima di aver visto, necessariamente, la cripta della chiesa nella Colònia Guell) un compendio architettonico incompiuto (ma che terminerà nel 2026) che è diventato il simbolo di Barcellona.

Ma le opere di Gaudí non finiscono qui. Park Güell è essenziale per comprendere l’interazione Gaudiesca tra natura e architettura. Le porte della tenuta Güell, vicino al Palau de Pedralbes, il Palau Güell, sulla Carrer Nou de la Rambla, portano anche il nome del suo patrono principale, Eusebi Güell.

La Casa Calvet , la magnifica Casa Vicens e la Torre Bellesguard , sono altri esempi delle sue opere che possiamo ammirare a Barcellona, ​​così come la meno nota scuola di convento, il Col·legi de les Teresianes , uno splendido edificio nel quartiere di Sarrià.

La prima serata a Barcellona?

Una passeggiata con cena “sfiziosa Senza Glutine” nel cuore del Quartiere dell’Eixample. Copasetic è il luogo perfetto!

Frittelle senza glutine, toast alla francese, crepes e uova alla benedict senza glutine. Sebbene non sia un ristorante senza glutine dedicato, Copasetic ha un ampio menu con molte opzioni prive di glutine e alternative che possono essere rese senza glutine come i loro hamburger.

La mattina seguente

Andiamo a piedi verso Plaza Catalunya, per poi raggiungere la Rambla, il famoso viale di Barcellona, già molto movimentato, pieno di gente, venditori ambulanti e artisti di strada.

Ci fermiamo a fare colazione in una pasticceria storica tra le viuzze del centro: Granya M. Viander, un vecchio caffè (vecchio in tutti i sensi…) con un’offerta senza glutine niente male: cheesecake, biscotti catalani ,simili a grossi savoiardi e poi la cioccolata.
Cosa c’è di meglio che iniziare la giornata con un’ottima cioccolata calda e fredda servita con una panna fresca buonissima e dei dolcetti tipici come soffici biscotti o delle tortine?

Questo locale nasce come latteria nel 1870 ed è situata nel Barrio del Raval, a due passi dalla Rambla.

Meta per locali e turisti, perfetta per una colazione o una merenda.

Sempre vicino a Las Ramblas si può trovare uno dei mercati coperti più bello, grande e famoso di tutta la Catalogna: il mercato coperto della Boqueria con più di 300 bancarelle.
Qui si trovano cibi di ogni genere: frutta, pesce, carne, cucina etnica e gli immancabili jamon e patanegra, che assaggiamo in uno dei tipici coni di carta da passeggio.

Passeggiare in mezzo a tutte quelle bancarelle è un’esperienza unica.
Tutto è esposto in modo perfetto e invitante, i celiaci possiamo trovare tantissime cose per sedare l’appetito. Frutta fresca di stagione e primizie per golosi. intere bancarelle di gustosissimi smoothies di frutta e verdura. Senza tralasciare ceste di frutta secca che invogliano l’assaggio solo a guardarle.

Il suggerimento della gente del luogo è quello di addentrarsi e non rifornirsi ai primi banchi, più turistici, preferendo invece quelli sul retro che sono più autentici, la differenza non è sembrata molta, a una prima occhiata, ma i prezzi in effetti all’ingresso sono un pò più alti.

Per gli intolleranti al glutine, oltre alla già menzionata frutta, c’è anche un banco che vende torroni tipici  molto buoni e tutti Gluten Free. Il mercato è diventato un luogo estremamente turistico ma assolutamente da non perdere.
Ci spostiamo poi nel cuore della città vecchia, il Barrio Gotico, un labirinto di vicoli pedonali ricche di negozi e locali, fino ad arrivare alla Cattedrale. Per accedere c’è una fila scorrevole e non troppo lunga, che ci richiede pochi minuti di attesa.

Ed a pranzo?

Cosa mangiamo a pranzo?
Ci spostiamo nel quartiere Barceloneta per raggiungere il ristorante specializzato in riso e paella… l’Arrosseria Xàtiva in Carrer del Torrent d’En Vidaletdi. Il ristorante propone diverse varianti di paella, troverai almeno in 4 differenti varianti Senza Glutine oltre ad una serie di piatti di carne, pesce e tapas. C’è anche una ricca lista di dolci, la maggior parte anche senza glutine.

Dopo pranzo ci spostiamo al Parc Guell, un parco con giardini ed elementi architettonici situato nella parte nord della città. Progettato dall’architetto Antoni Gaudì e costruito nei primi anni del ‘900, dal 1984 è stato inserito tra i patrimoni delll’Unesco.

L’ingresso principale è a sud, ma decidiamo di entrare a nord per poi goderci la visita tutta in discesa.

L’estro del “Maestro” non smette di sorprenderci ad agni scorcio, ad ogni angolo, ad ogni nuovo punto di vista.
Rientriamo quindi in hotel per una pausa per poi uscire per cena e recarci in un ristorante elegante ed accogliente: “En Ville” in Carrer del Dr. Dou, situato nel quartiere Raval di Barcellona.

Offre un menù variegato che si distingue per l’altissima qualità degli ingredienti utilizzati.
E’ un ristorante ideale per tutti coloro che sono intolleranti al glutine, poiché tutti i piatti del menù sono adatti per i celiaci: la cucina si basa sulla creatività, offrendo ai clienti una varietà di piatti originali combinati con elementi tradizionali della cucina catalana e francese, tutti Senza Glutine.

Ancora le incredibili opere del Maestro

La terza giornata è dedicata ancora alle opere di Maestro.
Prima tappa: Casa Battló, originale ed eccentrico palazzo realizzato dal celebre architetto per la famiglia Batlò, dichiarato nel 2005 patrimonio dell’UNESCO.

Dopo questa bella esperienza, ci spostiamo alla Pedrera, o Casa Milà.

Dobbiamo a questo punto recarci, necessariamente prima alla Colonia Guell per avere contezza di quello che sarebbe stato poi stata la naturale evoluzione della “Cripta”

Cogliamo l’occasione per fermarci al ristorante Cal Mingo di Viladecans che offre un’atmosfera amichevole in cui ordinare senza problemi piatti Senza Glutine.
La cucina di Cal Mingo è pronta a soddisfare le esigenze delle persone intolleranti al glutine.
I piatti vengono preparati con cura usando ingredienti privi di glutine. Le portate senza glutine sono esplicitamente segnalate.

Proseguiamo poi per la Sagrada Familia dove è assolutamente necessario fermarsi per alcune ore per cogliere al meglio i particolari, i dettagli di questa spettacolare opera architettonica, singolare, imponente, unica.

Rimaniamo in zona per la pizza Gluten Free

Questa sera abbiamo deciso di rimanere a pochi isolati dalla Sagrada Familia per poter gustare la pizza senza glutine a Barcellona. Da Messié Sin Gluten si è assolutamente tranquilli, non vi è alcuna possibilità di contaminazione incrociata, è un ristorante senza glutine al 100%.
Offre un’ottima selezione di pizze. Oltre alla pizza, hanno piatti di pasta, insalate e succhi di frutta fatti in casa.
Puoi scegliere la tua pizza ed accompagnarla con una delle oltre 20 birre senza glutine.

Per la mezza giornata che ci resta da trascorrere in città, approfittiamo per fare una passeggiata al mare e quindi poi al Barrio Gotico da Conesa per un panino in piedi, naturalmente Gluten Free. Locale spartano.

Quando ci si entra per la prima volta, si pensa che “non è possibile che un posto così possa offrire opzioni sicure per celiaci”.
Ma poi con la dovuta attenzione ci si rende conto di essere in una struttura accreditata e sicura per mangiare panini senza glutine.
Quasi il 95% dei sandwich può essere preparato senza glutine, e vengono preparati in un’area separata su una zona per panini dedicata.
Per prevenire ulteriormente ogni possibilità di contaminazione incrociata, nessuno gestisce il tuo panino senza glutine tranne il personale nell’area dedicata. Tutti i condimenti sono senza glutine. Sono disponibili anche panini vegetariani senza glutine.

​Il nostro viaggio finisce qui. Barcellona, se ce ne fosse stato bisogno, ci ha, ancora una volta, conquistati!

A presto Linda & Antonio